venerdì 31 maggio 2013

Usa, Francesco (come Benedetto) mette in guardia le suore “ribelli” (Tosatti)

Clicca qui per leggere il commento segnalatoci da Laura.

21 commenti:

Eugenia ha detto...

E vorrei vedere che andasse anche a favore de ste suore che suore non li sono mai state

mic ha detto...

Raffa, se credi, c'è il seguito:

http://chiesaepostconcilio.blogspot.it/2013/05/il-silenziamento-e-preludio-destinzione.html

Anonimo ha detto...

ciao Raffaella, ho trovato questo articolo di Magister sull'allora card. Bergoglio,risalente al 2002. non so se era già stato segnalato nei primi giorni di pontificato, comunque sono rimasto impressionato dalla lettura.

http://chiesa.espresso.repubblica.it/articolo/1335696?

Antonio

Anonimo ha detto...

suore non lo sono mai state?????????fanno tutte le cose che fanno le suore nostrane, oltre a cose un po' più elevate come la direzione spirituale, le formatrici in seminari diocesani, le insegnanti di teologia in università cattoliche.
Hanno il torto di dire ad alta voce quello che molti preti ed alcuni vescovi Usa dicono solo in privato.

mariateresa ha detto...

chissà, anonimo, forse le suore si sono elevate troppo, a un livello di così eterea perfezione cui i normali esseri umani non riescono ad arrivare. Ed è solo per sadismo e malvagità che la Congregazione per la dottrina della fede ha messo in atto la sua feroce persecuzione, avendo l'ardire di esprimere un giudizio sul loro operato e dimenticando che condividono il primato dell'infallibilità papale. Le povere suorine sono difese solo da tutta la stampa mondiale liberal e possono contare sull'appoggio e il sostegno di fogli insignificanti come il New York Times. Poverine.

mariateresa ha detto...

inoltre se è vero quello che dice lei,anonimo, diamine, preti e vescovi sarebbero dei veri eroi coraggiosi a confronto dei quali i primi martiri cristiani sembrerebbero delle mezze calzette. Che tempre di pastori, c'è da rimanere ammirati.

sam ha detto...

vorrei avere l'arguzia di mariateresa :-)

Anonimo ha detto...

Le povere suorine a voi tanto invise sono difese anche dai loro parrocchiani, dagli universitari nelle università in cui sono cappellane e dai carcerati in cui sono assistenti spirituali.
C'è un cardinale americano che durante la Messa ad una chierichetta che reggeva la sua croce pastorale ha detto : "si allena già per QUANDO ci saranno le donne prete" e successivamente ha ribadito che il divieto alle donne prete non ha nessun fondamento teologico, come disse più volte anche Martini.
Non mi ricordo più quando questi due cardinali sono stati condannati dalla congregazione per la dottrina della fede, mi deve essere proprio sfuggito Mariateresa....tu ovviamente te lo ricorderai.. quando sono stati condannati?

Raffaella ha detto...

Martini disse che il sacerdozio maschile non ha fondamento teologico?
Sei proprio sicuro?
Non e' che ti confondi con il celibato?
R.

Anonimo ha detto...

Ma c'é già una "chiesa" dove si fanno le donne-prete, è quella Anglicana (infatti, sia detto per inciso, molti ne stanno venendo fuori per tornare cattolici). Perché non si iscrivono lì le suore americane più magistrali del Magistero?
Ormai dovrebbero averlo capito che nella vera Chiesa non l'otterranno mai.
gianni

Anonimo ha detto...

Rispondo qui perche sono statunitense e sono anche state educata da queste suore liberal. Qui ci sono due gruppe di suore--le piu ortodosse sono piene di suore giovani,piene di vita e di gioia con conventi che sono stracolmi. La maggiorparte di esse si risiedono nel sud del paese che tradizionalmente era protestante.
Qui nel nordest, nelle grandi citta, le ordini stanno morendo--sopratutto quelle di suore liberali. Quando ero a liceo avevo una suora, profesoressa di scienza che ha detto che l'unico suo motivo per farsi suora era che non voleva sposarsi e fare tanti figli ma voleva studiare scienza naturale. (allora che cosa si poteva dire a Hildegarda di Bingen?) Diceva che fare suore per noi studentesse era "una stupida idea" perche avevamo allora piu opportunita.
Venti anni dopo, mio figlio faceva la prima Communione e la "suora" vestita in pantaloni, diceva che " aveva i dubbi sul pensiero del Papa Benedetto" e ha detto questo davanti a 50 genitori dei bambini che preparavano a fare la prima communione. Questi sono due esempi"on the ground" qui. Molto di queste suore sono ultra feministe e anche danno l'appoggio al aborto. Per i fedeli creano molto disorientamento ma il problema si risolve da se perche non avranno piu donne giovani che iscrivono ai loro istituti.

Anonimo ha detto...

Diciamo che le suore americane pagano l ostilità di alcuni cardinali e vescovi americani repubblicani di ferro . In molte diocesi americane i testi usati di teologia morale sono sovente per quanto riguarda l omosessualità molto poco aderenti alla dottrina cattolica ma non trattero il fiato aspettando un intervento della CDF.
E quando il superiore generale dei domenicani impose ai suoi religiosi di andare a vedere il famoso film dei cow boy gay dicendo così imparerete che anche quello è amore? Anche qui la CDF é intervenuta subito vero??? E quando ci fu la famosa direttiva sull' ammissione dei gay in seminario o meglio sulla loro non ammissione e un gruppo di provinciali gesuiti americani scrisse : non ci interessa noi continuiamo a fare come abbiamo sempre fatto... pensate che la CDF intervenne ? Certo che no....ma con le suore invece subito...

Anonimo ha detto...

A me sembra di ricordare Martini disse che il sacerdozio maschile non ha nessun "serio" sostegno teologico

Raffaella ha detto...

Sembra o l'ha detto?
R.

Anonimo ha detto...

Si la scritto in un articolo e anche in un libro devo fare qualche ricerca

Anonimo ha detto...

Meriteresa ti ricordi quando il segreatrio tobin della congregazione per i religiosi venne rinviato in Usa e prommosso e vescovo perché aveva difeso le suore? I vescovi repubblicani usa vogliono la condanna delle suore solo perché loro in realtà sono a favore della assistenza sanitaria pubblica di Obama. Tutto li...in realtà i motivi sono essenzialmente politici

sam ha detto...

Non mi risulta che Martini sia mai stato Prefetto della Congregazione della Dottrina della Fede, nè Papa. Dunque qualunque suo parere in antitesi ai pronunciamenti ufficiali dei suddetti soggetti è del tutto irrilevante.

mariateresa ha detto...

rispondo solo adesso perchè non potevo prima.
Anonimo non scaldarti, il problema è semplice: tu pensi che sono delle perseguitate queste suore, io invece credo che ci siano dei motivi per quello che è stato deciso e confermato anche da papa Francesco. Credo anche che la Congregazione della dottrina della fede abbia come suo compito proprio quello che ha fatto e che sapendo e prevedendo il contraccolpo mediatico è andata avanti perchè c'erano delle preoccupazioni reali. Sei tu che la metti in politica, non io.
Parlo di questo caso specifico, è inutile dire fiaschi perchè un altro ha detto fischi. Inoltre è magnificare l'acqua calda dire che ci sono cattolici dalla parte delle suore, lo sappiamo. A maggior ragione l'intervento della Congregazione, che è iniziato un bel po' di tempo fa, è proseguito andando controcorrente e pagando un prezzo, anzi pagandolo Benedetto XVI.
Quando ho letto interviste sul Natoional catholic reporter a queste suore l'impressione è stata molto brutta: autocentrate, piene di sussiego, convinte di ogni bene riferito a se stesse e di ogni male negli altri, soprattutto preti maschi. Insomma non ci ho incontrato niente ai santa Chiara di Assisi, di Teresa d'Avila o delle altre altre grandi donne monache riformatrici della Chiesa.Anche se Kung dice che sono come Lutero. A me sembrano , da quello che ho letto, persone innamorate di se stesse, politicizzate oltre misura , senza nessun rispetto per la gerarchia ecclesiastica, che per quanto sgangherata c'è ancora.
Se può finire tutto bene tanto meglio, ma io dubito fortemente.Inoltre in un blog si parla forzatamente alla superficie delle cose,per motivi di spazio e non si mette il naso in modo accurato nei documenti della Congregazione perchè è lì il busillis.
Non basta dire, è tutto un complotto, noi siamo meravigliose. Già questo è un linguaggio significativo.E che ci siano dei ventriloqui militanti in giro a sostegno è altrettanto significativo.

Rosa ha detto...

ma per favore, anonimo! basta guardarle ed ascoltarle per capire che sono suore solo di nome!! e quanti vescovi repubbliani ci sono, considerando che i cattolici in a,erica hanno sempre votato in massa per i democratici !! ma legga quel che scrivono alcuni siti cattolici americani sulle suore, tipo rorate coeli
Rosa

Anonimo ha detto...

Scusi anonimo delle 21.40 ma perchè i vescovi americani sono contro la sanità pubblica? A me sembra una cosa scaldalosa se è vero !!!!

Anonimo ha detto...

Ora in USA bisogna assicurarsi per ottenere cure mediche tramite assicurazioni private. TUTTE le assicurazioni private lpiù importanti includono aborto e contraccezione. Ora tu puoi scegliere di non comprare quei particolari servizi ma con i tuoi premi le assicurazioni forniranno comunque ad altri quei servizi. Nessuno ha mai trovato da ridire su questo. Ora se si vuole fare la stessa cosa tramite una specie di sanita pubblica light i vescovi repubblicani si oppongono. Meglio continuare ad avere il tasso di mortalità infantile negli USA più alto di tutti i paesi occidentali. ...